Tintoretto, Ultima cena (1547; olio su tela, 157 x 433 cm; Venezia, San Marcuola) Jacopo Sansovino, Miracolo dello Schiavo e Conversione del signore di Provenza oppure Miracolo del soldato in Lombardia (entrambi 1541-1544; bronzo, 48,5 x 65,8 cm; Venezia, Basilica di San Marco) Viene spesso riportato nelle guide che l’Ultima Cena e la Lavanda dei piedi (quadro che fa da pendant sulla parete opposta del presbiterio) sono state dipinte da Tintoretto per il presbiterio della chiesa di San Marcuola, ubicazione ove attualmente si trovano.In realtà le due tele hanno dimensioni e sicuramente anche datazioni diverse. L’Ultima Cena di Tintoretto nella chiesa di San Trovaso a Venezia non può che colpire chi la osservi. Uno degli ultimi capolavori di Tintoretto, realizzato con l’aiuto del figlio Domenico. È un'opera perfettamente in linea con gli altri dipinti del medesimo pittore.Descrizione e stile. DESCRIZIONE: Il dipinto venne commissionato a Tintoretto dalla Scuola del Sacramento della chiesa di San Polo. Ultima cena. Ultima Cena del Tintoretto: tutto sul dipinto. “L’Ultima Cena” fu commissionata al Tintoretto dalla Scuola del Sacramento di San Polo nel 1574. È un'opera perfettamente in linea con gli altri dipinti del medesimo pittore. Cattedrale di San Martino - Ultima cena - Tintoretto. Questo a partire dalla compostezza delle figure e dell’ambiente che le ospita. Tra loro si erge, appoggiando le zampe anteriori sul gradino, il cane. Jacopo Tintoretto (Jacopo Robusti, Venezia 1519-1594) L'ultima Cena Olio su tela, 285x415 cm Chiesa di San Simeone Profeta, Venezia Il dipinto venne realizzato per la Scuola del Santissimo Sacramento istituita presso la chiesa nel 1560. La tela del Tintoretto conservata a Meduna, raffigurante l’Ultima Cena, appartiene indubbiamente alla primissima fase di Jacopo. L’ultima cena è un dipinto a olio su tela di 366×570 cm realizzato tra il 1592 ed il 1594 dal pittore italiano Tintoretto.Conservato nella Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia, opera perfettamente in linea con il pittore veneziano, il quale centra anche questo dipinto come tutti gli altri su un unico ed inimitabile tema: la luce! L'Ultima cena è un dipinto del pittore veneziano Tintoretto realizzato intorno al 1592-1594 e conservato nella Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia. Al bordo inferiore della foto, le scale stanno scendendo, su cui siede la ragazza, e accanto alla sua chitarra giace e c'è un fascio di strada, un uomo è sdraiato. Infatti, nell’immaginario collettivo, la rappresentazione dell’Ultima Cena assume i caratteri della solennità, dell’assoluta sacralità. Una tela che contiene tutti i tratti caratteristici e innovativi di questo straordinario artista: la tavola in obliquo per creare profondità, la … Tintoretto - L'Ultima cena Per la Chiesa di San Giorgio Maggiore Tintoretto realizza l’Ultima cena, uno dei vertici più alti della sua pittura. Ultima cena tintoretto. L’Ultima cena rappresenta l'omonimo episodio del Vangelo, proprio nel momento della comunione che Cristo sta dando a due apostoli aprendo le mani a prefigurare il gesto della croce. L'Ultima Cena è un dipinto, realizzato tra il 1592 ed il 1594, ad olio su tela, da Jacopo Robusti, detto Tintoretto (1518 - 1594), collocato nel presbiterio della Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia. E ciò per diversi motivi. L'Ultima cena è un dipinto del pittore veneziano Tintoretto realizzato intorno al 1592-1594 e conservato nella Basilica di San Giorgio Maggiore a Venezia. Questo "Ultima cena" Tintoretto è più schierato in verticale, ei personaggi sembrano spinti dall'osservatore.